fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 25 giugno 2019 – Al cinema Lumière dal 28 giugno al 3 luglio "La mia vita con John F. Donovan" di Xavier Dolan.


Orari: 19:00 - 21:30
Lunedì 01 luglio chiuso
Mercoledì 3 luglio proiezione in lingua originale inglese sottotitolata in italiano.



Come ultimo film prima della pausa estiva vi proponiamo l'ultimo capolavoro di Xavier Dolan "La mia vita con John F. Donovan".
Dopo il successo delle precedenti proiezioni mercoledì 3 Luglio il cinema Lumiere vi propone, altresì, un nuovo film in lingua originale sottotitolata. Anche in questo caso avrete l'occasione di apprezzare un cast d'eccezione. In  "La mia vita con John F. Donovan" ad affiancare la star de Il trono di spade Kit Harington, Jacob Tremblay e i premi Oscar Natalie Portman, Kathy Bates e Susan Sarandon.
Un film che segna il debutto hollywoodiano dell'enfant prodige Xavier Dolan e che vede riportati sul grande schermo tutti i temi che lo hanno reso famoso nel mondo: la relazione madre/figlio, l’omosessualità, l’infanzia.


La storia
Rupert Turner (Ben Schnetzer), giovane attore, decide di raccontare la vera storia di John F. Donovan (Kit Harington), star della televisione americana scomparsa dieci anni prima, che in una corrispondenza epistolare gli aveva aperto le porte del cuore, svelando i turbamenti di un segreto celato agli occhi di tutti. Ne ripercorre così la vita e la carriera, dall’ascesa al declino, causato da uno scandalo tutto da dimostrare.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry