fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Spettacolo
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 10 dicembre 2019 – Salvo e Valentino, un ladro e un prete, si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all’Anno Zero. In questo viaggio, avranno a che fare con tanti personaggi incontrati lungo il cammino, tra cui un inedito Erode interpretato da Massimo Popolizio. 

È Primo Natale, a Ragusa

Dal 12 al 30 dicembre al Lumière
Orari:
18:00 - 20:20 - 22:10

Sabato, domenica e festivi:
16:00 - 18:00 - 20:20 - 22:10

Lunedì 16 aperto.

***
Non accenna a calare  il successo di "Il Primo Natale". Il film di Ficarra e Picone è ora il miglior film italiano del 2019 per numero di spettatori. Le proiezioni del film saranno prolungate fino al 30/12.


domenica 29
16:00 - 18:00 - 20:20 - 22:10

Lunedì 30 dicembre APERTO

martedì 31 chiuso

***

Dal 01 Gennaio vi aspettiamo con "Tolo tolo" ultimo film di Checco Zalone. Nelle prossime email saranno comunicati gli orari degli spettacoli.

Per info e prenotazioni chiamare lo 0932/682699 o il 3492249680 negli orari di chiusura del cinema
Apertura botteghino:
Feriali: ore 17:15
domenica 29: ore 15:30

***

Salvo e Valentino, un ladro e un prete, si ritroveranno a fare un viaggio nel tempo, fino all’Anno Zero. In questo viaggio, avranno a che fare con tanti personaggi incontrati lungo il cammino, tra cui un inedito Erode interpretato da Massimo Popolizio.

***

La rassegna "Appuntamento al buio" è sospesa fino al 16 gennaio.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry