fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Economia e Lavoro
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Maurizio Attinelli

Ragusa, 12 luglio 2019 – Maurizio Attinelli è il nuovo presidente degli Ordini dei Commercialisti siciliani. La nomina è avvenuta nel corso di una assemblea che si è tenuta nei giorni scorsi alla presenza dei 14 presidenti degli Ordini della Sicilia, nella quale sono state rinnovate le cariche del direttivo.

Il ragusano Maurizio Attinelli, attualmente presidente dell’Ordine della provincia iblea, succede a Salvatore Di Lena con il parere favorevole dato all’unanimità dai presidenti degli Ordini che gli riconoscono le qualità già dimostrate alla guida dell’ordine ibleo.

“Questa elezione – ha commentato Maurizio Attinelli – è sicuramente un grande onore, ma implica anche grandi responsabilità. La mia linea sarà quella di muovermi nel solco del lavoro tracciato dal mio predecessore, quindi con l’obiettivo di rafforzare ancor di più la categoria rappresentando le istanze degli iscritti avanti tutti gli uffici e gli stalkeholder naturali”. Sono state già istituite le Commissioni su base regionale “che- afferma ancora Attinelli- saranno rafforzate in modo da far sentire forte la voce degli 8630 commercialisti. Su circa 600.000 di soggetti sono circa 450.000, pari al 75% del totale, coloro che adempiono ai propri obblighi fiscali tramite i commercialisti. Il ruolo di vice presidente dell’ordine regionale sarà ricoperto dall’ attuale presidente dell’ordine di Gela, Salvatore Sauna.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry