fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 21 agosto 2014 – Per le tartarughe marine che “frequentano” il litorale siracusano, quella in corso è davvero una settimana particolare. 

Nei giorni scorsi la sala operativa della Capitaneria di Porto - Guardia Costiera di Siracusa ha ricevuto la segnalazione da parte di alcuni bagnanti, del ritrovamento nello specchio acqueo antistante il Lido di Noto di un esemplare di “caretta-caretta” in evidente stato di difficoltà a causa di una grave ferita. 

Il personale militare in servizio lungo il litorale di competenza, dopo aver prelevato l’esemplare con apposito contenitore, contattava l’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Sicilia che, successivamente, provvedeva a prestare le cure finalizzate al futuro reinserimento della tartaruga nel suo habitat naturale.

All’indomani di tale ritrovamento, sono state, invece, rinvenute uova di tartaruga, sempre della specie “caretta-caretta”, deposte sulla battigia antistante le spiagge di “San Lorenzo” e “Eloro - Pizzuta” (Noto).

In questo caso la sala operativa della Guardia Costiera aretusea ha allertato i referenti locali dell’Ufficio Gestione Foreste della Regione Sicilia e del WWF al fine di consentire agli stessi di adottare le misure necessarie alla tutela delle suddette aree di ovodeposizione.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry