fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

“Club del Pastore Siciliano”, un meeting sulle razze canine siciliane non riconosciute

 

Ragusa, 26 agosto 2014 – Domenica 31 agosto, alle ore 9.00 nel centro ippico Eketla’s (Contrada Margi S.P. 151, accanto all’agriturismo Valle dei Margi), si svolgerà il 1° Meeting dedicato alle razze canine siciliane - Branchiero, Mastino Siciliano o Cane da Mannara, lo Spino degli Iblei o Spinusu e il Vuccirisco - non ancora riconosciute dall’Ente Nazionale della Cinofilia Italiana (ENCI) e dalla Federazione Cinologica Internazionale (FCI).

 

Il Meeting intende chiamare a raccolta i cinofili siciliani intorno a un obiettivo comune: il riconoscimento delle quattro razze da parte delll’ENCI e dalla FCI. Nel corso della manifestazione, inoltre, sarà illustrato il progetto della costituenda associazione no profit denominata “Club del Pastore Siciliano”, che si occuperà di gestire il protocollo di selezione delle quattro razze non ancora riconosciute.

“La cinofilia ufficiale – spiegano gli organizzatori – in assenza di uno standard che ne descriva le caratteristiche morfologiche e caratteriali, considera queste razze siciliane dei meticci. Eppure si tratta di popolazioni canine antichissime, con peculiarità di tipo ben fissate e che meritano di essere codificate e valorizzate”.

“In particolare, il Branchiero, il Mastino Siciliano o Cane da Mannara, lo Spino degli Iblei o Spinusu e il Vuccirisco – continuano - sono razze adibite al lavoro di guardia delle mandrie e della proprietà in genere, tutte caratterizzate da grande robustezza e da un equilibrio caratteriale che ha permesso loro di difendere con incorruttibile tenacia gli averi del pastore e del massaro. Tutte e quattro queste razze siciliane sono state selezionate sempre nei rispettivi ambienti di utilizzo: lo Spino degli Iblei quasi esclusivamente dai pastori di greggi nell’area circostante i monti Iblei; il Mastino Siciliano, custode di case coloniche e greggi, soprattutto nella Sicilia settentrionale; il Branchiero è stato il tipico cane bovaro dell’isola, utilizzato per la guardia di animali e proprietà riferiti agli allevamenti di bovini specialmente nel Trapanese e nel Ragusano; il Vuccirisco, molosso selezionato per lo più dai macellai, soprattutto nel Catanese”.

L'iter che porterà al riconoscimento delle quattro razze canine siciliane da parte dell'ENCI e della FCI si annuncia lungo e difficoltoso. Ma grazie all'impegno e alla passione di tutti i cinofili siciliani sarà possibile individuare il giusto tipo per ogni razza secondo le testimonianze foto-iconografiche e letterarie, fare riprodurre i soggetti migliori e stilare i rispettivi standard di razza. A supportare tecnicamente questo gruppo di appassionati sono stati chiamati quasi tutti gli Esperti/Giudici cinofili della Sicilia, molti Presidenti di Gruppi Cinofili dell’isola e alcune decine di soci allevatori dell’ENCI che hanno già dato la loro disponibilità per consulenze e collaborazioni. 

 

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry