fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Notizie tematiche
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Ragusa, 15 dicembre 2016 – Da poche ore è terminata l’esercitazione denominata Hybleagas, organizzata presso la nota azienda ragusana, con il programma del Comune di Ragusa e il coordinamento della Prefettura di Ragusa, cui ha partecipato anche ARI Ragusa, insieme a Protezione Civile (Comune e Consorzio dei comuni), Polizia (Questura e Polizia Stradale), Carabinieri, ARPA, 118, Consorzio dei Comuni iblei (con Polizia Provinciale), Servizio Veterinario, Vigili del Fuoco e varie istituzioni e forze dell’ordine.
È stato simulato l'incendio di un'autobotte di GPL con due feriti ustionati,da trasportare al Cannizzaro di Catania e all’Ospedale di Ragusa (è intervenuto l’elicottero per l’elisoccorso), sono stati simulati posti di blocco, ecc…
L’esercitazione è perfettamente riuscita.
ARI Ragusa si è incaricata di tenere comunicazioni tra il luogo degli eventi e la sala radio della Prefettura di Ragusa (e inoltre con il COC comunale, che in alcune occasioni è intervenuto sulle frequenze usate dall'Associazione Radioamatori per uno scambio di informazioni con la sala radio della Prefettura).
Hanno operato due squadre di OM (Salvo Micciché IT9CLU, Enzo Licitra IT9DQC, Giovanni Roccaro IT9FRZ, Angelo Strazzeri IT9CCR, Massimiliano Leggio IT9AJI, Salvo Barone IT9ABO, Giuseppe Fede IT9KFA, Peter Lipari...), una sul campo, dove è stata montata una stazione mobile da campo, con radio V/UHF e antenna su palo, una in Prefettura. Sono state attivate due linee di comunicazione, una tramite il repeater R0 ARI Ragusa, l’altra diretta, con cui sono state comunicati gli aggiornamenti che la sala radio poi passava al vice prefetto dott. Salvatore Ciarcià e il responsabile Geom. Salvatore La Rosa, costantemente in contatto anche con il presidente e gli operatori ARI…
Alla fine delle operazioni, presidente e segretario dell'associazione hanno partecipato al debriefing, con il Prefetto di Ragusa, S. E. Maria Carmela Librizzi, e i responsabili dei servizi (capitano del NORM dei carabinieri, ispettore di polizia, ing. capo dei VVF…), relazionando sulle operazioni svolte. Precedentemente, nei giorni scorsi, avevano partecipato al briefing preliminare, in cui è stato ridefinito e precisato il programma messo appunto dall’ingegnere della Protezione Civile del Comune di Ragusa… Nelle due occasioni, presidente ARI, Prefetto e Vice Prefetto hanno ribadito l’importanza della collaborazione tra ARI e Prefettura di Ragusa, sottolineando l’importanza della sala radio sempre efficiente (anche per le frequenti “prove di sintonia”).
L’esercitazione è servita a livello istituzionale, inoltre, a fare il punto (con il Prefetto che coordinava gli interventi) su eventuali criticità e aspetti da precisare per il prossimo piano di interventi; criticità che sono state discusse e accuratamente vagliate (con approvazione dei correttivi) durante la conferenza di servizi.
 
Il presidente ARI ringrazia tutti i soci e collaboratori (volontari) che in vario modo hanno collaborato, sia sul campo, sia preparando attrezzature sia anche fornendo assistenza e consigli. «Ancora una volta ARI si è distinta per efficienza, collaborazione, azione, e i ringraziamenti finali di S. E. il Prefetto non possono che farci sentire orgogliosi e soddisfatti. Grazie anche agli OM che gentilmente hanno sospeso i QSO su R0 durante l’esercitazione, lasciando libera la frequenza per consentire di svolgere efficientemente le operazioni», ha detto Salvo Micciché.

 

(Foto: © Peter Lipari e Salvo Micciché)

Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa Ragusa


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry