fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Religione
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 3 novembre 2015 –  Domani, giovedì 5 novembre, al Santuario della Madonna delle Lacrime a Siracusa, si terrà l'inaugurazione dell'anno accademico 2015/16 dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio.

Alle ore 18.00 nella Cripta del tempio mariano concelebrazione Eucaristica presieduta dall'arcivescovo mons. Salvatore Pappalardo.

Alle ore 19.00 al centro convegni prolusione di Gherardo Colombo su "giustizia e perdono" e subito dopo presentazione dell’anno accademico da parte del direttore dell'ISSR don Nisi Candido. 

L’Istituto Superiore di Scienze Religiose San Metodio, con sede a Siracusa, in via della Conciliazione, nasce nel 1977.

Nel 2007, il San Metodio ha ricevuto dalla Congregazione per l’Educazione Catto­lica i decreti di erezione dell’Istituto Superiore di Scienze Religiose (di primo e secondo ciclo) e di approvazione quinquennale degli Statuti.
La strutturazione del cursus studiorum risponde allo scopo di formare gli studenti allo studio critico, autonomo e maturo, delle Scienze Religiose. 

Il Piano di studi è quinquennale, ed è costituito da due livelli di studio distinti e con­nessi tra loro: un Triennio per il conseguimento della Laurea in Scienze Religiose (Baccalaureato in Scienze Religiose) e un successivo Biennio per il conseguimento della Laurea Magistrale in Scienze Religiose.
Entrambi i gradi accademici vengono conferiti dalla Facoltà Teologica.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry