fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Scicli
Scicli
Scicli
Scicli
Scicli
Scicli
Scicli

Scicli, 17 gennaio 2019 – È stato un grande successo di pubblico A cavallo del tempo – Scicli prima e dopo il terremoto del 1693, l'ultimo appuntamento ideato e promosso dall'Associazione Culturale Tanit Scicli, stavolta in collaborazione con Padre Ignazio La China, storico e Vicario Foraneo di Scicli.

 

Lo scorso 12 gennaio, infatti, un variegato pubblico di tutte le età ha gremito la Chiesa di San Michele Arcangelo in Via Francesco Mormino Penna, dove si è svolta la conferenza, assistendo appassionato alla discussione moderata dal presidente di Tanit, Vincenzo Burragato, distribuita in due fasi ben distinte: una prima del terremoto, con degli sguardi documentari e interrogativi sulla Scicli paleocristiana e medievale, discussi, rispettivamente, dalle archeologhe Monica Carbone e  Salvina Fiorilla e una seconda parte focalizzata dapprima sull'analisi di nuovi documenti riguardanti i registi dei defunti a causa del sisma ritrovati negli archivi della matrice da Padre Ignazio La China e, successivamente, dal commento toccante del ricercatore Francesco Pellegrino della cronaca del terremoto redatta nel seicento dall'Arciprete di San Matteo, Canonico Virderi. 

 

L'incontro culturale ha però avuto doppia valenza in quanto occasione per lanciare un progetto ambizioso da parte di tutti i membri di Tanit Scicli e dei relatori intervenuti: la creazione di un centro studi sulla città che raccolga l'intera documentazione prodotta su Scicli, i dintorni e i suoi abitanti e capace di promuovere la ricerca incessante verso una verità storica sempre più variegata e complessa. Per far ciò, primo passo è la realizzazione di un fondo documentario ricco degli studi già pubblicati sulla nostra città e sconosciuti ai più, in modo da organizzare futuri incontri culturali di divulgazione.

 

Chiunque voglia collaborare, può contattare l'Associazione Culturale Tanit Scicli e il Vicariato Scicli scrivendo una e-mail agli indirizzi  "Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonando rispettivamente al +39.338.8614973 e al +39.349.3539515.

Video:  


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry