fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Archeologia
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 5 agosto 2019 – Giovedì 8 agosto (alle ore 19) il prof. Giovanni Distefano  (direttore del Parco Archeologico di Camarina e Cava d'Ispica e docente presso Università della Calabria e Università Tor Vergata Roma 2) condurrà una visita guidata all'area archeologica di Kaukana (Ragusa). Si inizierà con l'ingresso dal Lungomare delle Anticaglie.

L’area archeologica di Kaukana comprende un insediamento di epoca tardo antica costituito da poco meno di trenta edifici. Essi sono dislocati lungo un basso crinale costiero che si estende per circa 700 m in senso est-ovest, separando la spiaggia dall’entroterra, nel tratto immediatamente ad Est dell’attuale Punta Secca.

Dopo gli studi di Paolo Orsi sul sito di Kaukana calò un silenzio ininterrotto fino alla fine degli anni ’50. Agli inizi degli anni ’60, con l’inizio della lottizzazione per la realizzazione di case di villeggiatura, si pose il problema di salvare gli edifici antichi dall’attività edilizia circostante. Si effettuarono scavi per mettere alla luce i resti antichi ed evitare così che fossero coperti o distrutti dalle nuove costruzioni. Il primo ad effettuare saggi di estensione limitata, tra il 1959 e il 1963, fu l’ingegnere Cesare Zipelli, ispettore onorario della soprintendenza ed anche villeggiante nell’area. In seguito, tra il 1964 e il 1972 l’archeologa Paola Pelagatti effettuò ulteriori scavi di estensione più ampia che hanno consentito di portare in luce la gran parte degli altri edifici oggi noti.

 

s. m.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry