fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Argomento: Cultura
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Nel 40° della scomparsa dell’etnoantropologo e poeta Antonino Uccello,  il Comune di Canicattini Bagni e il Museo Civico Tempo il 13 e 14 Agosto 2019 gli dedicano due giornate con percorsi naturalisti e poetici

 

Canicattini Bagni, 12 agosto 2019 – In occasione del quarantesimo anniversario della morte dell’etnoantropologo e poeta canicattinese Antonino Uccello, avvenuta il 29 Ottobre 1979, l’Amministrazione comunale di Canicattini Bagni e il Museo Civico Tempo, gli dedicano due giornate con percorsi naturalisti e poetici,  nell’ambito degli appuntamenti estivi.

Si tratta di due percorsi guidati in programma il 13 e il 14 Agosto 2019.

Il primo appuntamento è in programma per martedì 13 Agosto, alle ore 16:00,  in Contrada Cugno Lupo, con la guida di Paolino Uccello, etnoantropologo e guida naturalistica, Presidente del Museo Tempo, alla scoperta della flora endemica e delle leggende legate alla Contrada.

Il secondo appuntamento è per mercoledì 14 Agosto, alle 19, con un percorso cittadino guidato da Tanino Golino, studioso delle tradizioni popolari e Vice Presidente del Museo Tempo, che partendo dalla sede museale di via XX Settembre 132, farà tappa nei luoghi raccontati da Antonino Uccello nella raccolta di poesie “Janiattini”,  e nelle altre raccolte del poeta canicattinese.

Dalla casa natale al fondaco, alla vera croce, luoghi legati ai ricordi di un’infanzia difficile ma che non riuscì mai a dimenticare.

 

Antonino Uccello, nato a Canicattini nel 1922,  è stato un pioniere dell’etnologia e del folklore, capendo l’importanza della custodia della memoria negli anni del boom economico. 

L’intellettuale canicattinese raccolse, salvaguardandolo dalla sicura scomparsa, molto materiale legato al mondo contadino e artigianale dell’entroterra ibleo, dando vita alla Casa Museo di Palazzolo Acreide. 

 

Salvo Micciché


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry