fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Scicli, 26 settembre 2019 – Domenica 29 settembre torna l’appuntamento con la cultura, il divertimento e l’aggregazione targato Tanit Scicli. L’Associazione Culturale sciclitana aderirà, infatti, alla Giornata Nazionale dei Piccoli Musei aprendo al pubblico le porte dell’Antica Farmacia Cartia, il museo dello speziale aperto e gestito dal 2014 in collaborazione con il dottor Guglielmo Cartia, ultimo esponente in ordine di tempo della famiglia di farmacisti sciclitani. 

Domenica, infatti, si festeggia in tutta Italia la Terza Giornata Nazionale dei Piccoli Musei, un open day a ingresso gratuito dove i visitatori potranno ammirare la bellezza dell’Antica Farmacia Cartia, ricevendo in cambio anche un piccolo dono, regalato dai componenti di Tanit Scicli per manifestare la propria gratitudine a chi, con la sua visita, omaggia il lavoro e l’impegno quotidiano necessario all’apertura di questo sito culturale.

Anche quest'anno, infine, Gli Aromi, l’azienda di piante aromatiche e officinali sciclitana, decorerà l’intera Antica Farmacia Cartia con piante officinali e mediche.
Porte aperte quindi alle visite domenica 29 settembre dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 16.00 alle 19.00. 

Per informazioni, si può scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o telefonare al 338 8614973, anche WhatsApp line. 

Vincenzo Burragato

 

ScicliScicli


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry