fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 24 aprile 2015 – Si apre domani, 25 aprile, alle ore 17.30, la mostra del pittore vittoriese Michele Nigro, presso Palazzo Zacco, nell’ambito del Weird Festival, manifestazione di “Ragusa in Fiore”, promossa dall’assessorato alla Cultura del Comune di Ragusa.

La mostra potrà essere visitata fino al 7 maggio. Michele Nigro ha esposto le sue opere in numerose mostre collettive in provincia di Ragusa ed anche a Milano, Roma, Padova, Genova, Bergamo.  Le opere di Nigro nascono – come affermato dallo stesso artista -   dalla sperimentazione del colore, per poi prendere forma quando entra in campo il sentimento che lo porta a trattare temi legati al suo vissuto ed alla sua terra. L’istinto ed il colore sono due momenti complementari nello sviluppo delle sue opere.

Michele Nigro è nato a Vittoria nel 1975. 

Fin da ragazzo manifesta attitudine per l’arte e la necessità di esprimere la sua ricca interiorità in  immagini e colore. Le contingenze della vita gli impediscono di seguire un regolare curriculum di studi, assecondando i propri interessi in modo sistematico, ma egli caparbiamente riuscirà, tra mille sacrifici e disparati impieghi, a conseguire un diploma e a coltivare contemporaneamente la sua passione per la pittura. Riesce quindi a inserirsi nel circuito artistico locale e nella vita culturale della sua città; nel 2008 è tra i pionieri della rivalorizzazione del centro storico di Vittoria, insediando il proprio laboratorio dapprima in via Cavour e successivamente nell’adiacente via Marsala, dove tutt’oggi dipinge e propone le sue opere. 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry