fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

#Ragusa, 15 dicembre 2015 – Due riconoscimenti per gli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Galileo Ferraris” di Ragusa.
I ragazzi dell’indirizzo enogastronomico, articolazione sala, guidati dal prof. Giorgio Comitini, hanno ricevuto il primo premio “La mis en place”, organizzato dall’AMIRA sezione di Ragusa nella cornice della rinnovata Villa Fortugno, per aver curato il miglior allestimento nell’apparecchiare la tavola e nella sistemazione dei coperti.

[L’espressione francese “mise en place”, che dà il titolo al premio, letteralmente significa “messa sul posto” e indica la preparazione di tutto il materiale necessario per un corretto servizio, ndr] 

Gli studenti del triennio del Liceo Artistico, coordinati dai docenti Alessandra Marino e Vincenzo Cicardo, hanno ricevuto una speciale menzione e la pubblicazione delle opere in sede congressuale al concorso sul tema dell’Educazione Sanitaria, indetto dall’Assessorato Regionale della Salute, al quale hanno partecipato 65 scuole di ogni ordine e grado della Sicilia. Il Dirigente dr. Salvatore Requirez presidente della commissione di valutazione del concorso, comunicando il riconoscimento, ha espresso agli studenti e agli insegnanti il compiacimento per la meritata menzione per il “valore dei contenuti educativi” manifestato dalle opere realizzate, esposte a Palermo a Castell’Utveggio presso il Cerisdi. 

La dirigenza dell’istituto “Ferraris” di Ragusa esprime viva soddisfazione per i risultati raggiunti dagli studenti, frutto di un seria applicazione nel lavoro didattico, e per il lavoro educativo svolto dai docenti nell’apporto professionalizzante dato agli allievi. 

 

Prof.ssa Maria Malignaggi (Dirigente Scolastico)


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry