fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Un progetto dell’associazione Archivio degli Iblei, finanziato dall’amministrazione comunale

 

#Ragusa, 21 dicembre 2015 – L’amministrazione comunale finanzierà con un contributo di 16.500 euro i “laboratori di storia” che saranno realizzati dall’associazione Archivio degli Iblei, la cui sede è presso  il Consorzio Universitario di Ragusa Ibla. 

Il progetto è destinato alle scuole primarie e secondarie di primo grado ed è articolato in incontri e seminari per classi ed insegnanti alfine di diffondere la conoscenza della storia locale  di Ragusa e della provincia  attraverso la tecnologia digitale.  

I laboratori proposti per l’anno 2015-2016  tendono a stimolare gli studenti alla ricerca  ed alla riflessione storiografica, attraverso la scoperta di documenti, sia da archivi pubblici che da archivi privati e familiari, ed alla elaborazione di nuovi contenuti testuali ed iconografici destinati alla pubblicazione su Wikipedia e sul portale dell’Archivio degli Iblei. 

“Temi come la Grande Guerra e i paesi iblei, le storie del passato della nostra comunità possono essere valorizzati  e diffusi attraverso le nuove tecnologie digitali – spiega l’assessore competente Salvatore Martorana -  Il progetto dei laboratori di storia proposto dall’associazione Archivio degli iblei, che l’amministrazione comunale ha inteso sostenere per l’alta valenza formativa dell’esperienza, ha proprio la doppia finalità  di stimolare gli alunni  alla conoscenza e all’approfondimento della storia del nostro territorio intesa come risorsa culturale e nel contempo contribuire alla crescita della cultura digitale”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry