fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Autore: Carlo Ruta, Massimo Cultraro et alii
Editore: Edizioni di Storia e Studi sociali
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 
Libri
Marilena Trovato, Salvo Micciché, Carlo Ruta, Massimo Cultraro, Anna Caschetto, Giovanni Distefano
Libri
Massimo Cultraro, Giovanni Distefano, Gianni Battaglia

Ragusa, 17 giugno 2019 – Sabato 15 giugno, nell’ambito della manifestazione “A tutto volume - Extra volume” alla Libreria Paolino di Ragusa è stato presentato il secondo volume Storia dei mediterranei (Edizioni di storia e studi sociali) che vede come autori un team di storici, archeologi e medievisti di alto livello: Emiliano Beri, Maurizio Brescia, Franco Cardini, Massimo Cultraro, Deborah Cvikel, Flavio Enei, Luca Lo Basso, Stefano Medas, Irena Radic Rossi, Renato Gianni Ridella, Eric Rieth, Carlo Ruta e Francesco Tiboni.

Dopo l’introduzione del saggista Salvo Micciché (Archeoclub Ragusa), l’archeologo prof. Giovanni Distefano (docente Università della Calabria e Roma 2 Tor Vergata) ha presentato l’opera, soffermandosi su alcuni saggi, in particolare riguardanti le scoperte scientifiche e tecnologiche e l’evoluzione del pensiero tra Medioevo e prima modernità.

Ne è nato un dialogo con due degli autori, il saggista Carlo Ruta e il prof. Massimo Cultraro (Università di Palermo, primo ricercatore CNR) che ha coinvolto il pubblico presente. Cultraro ha trattato il tema del suo saggio: il labirinto tra Atlantide, Cnosso e Gerico, e le sue implicazioni storiche, archeologiche ed anche filosofiche che hanno potentemente condizionato anche la storiografia; Ruta ha evidenziato l’impatto sulla storiografia e la storia del pensiero delle scoperte tecnologiche, connesse anche ai viaggi in oriente, si pensi a Giovanni da Pian del Carpine e a Marco Polo, ma anche agli amalfitani che perfezionano la bussola, che con l’incipiente perfezionamento della cartografia consentirà a Colombo, Vasco de Gama e alti illuminati marinai di compiere viaggi per mare e scoperte che hanno cambiato per sempre il cammino dell’Umanità, con cambi di passo apparentemente semplici ma in realtà molto complessi e determinanti.

Gli autori e l’editrice Giovanna Corradini hanno annunciato anche la prossima pubblicazione del terzo e quarto volume della fortunata serie che è stata già presentata in varie città italiane e in ambito accademico con un notevole successo e interesse tra gli studiosi.

La presentazione del libro è seguita ad un altro evento (nella chiesa della Badia, piazza San Giovanni), nell’ambito della stessa manifestazione bibliofila, il ricordo del grande e compianto archeologo Sebastiano Tusa, di cui EdS ha presentato l’ultimo libro (2018): I popoli del grande verde, con i professori Cultraro e Distefano, la recita di alcuni brani del testo (il prologo con citazione da Esiodo, ad es.) a cura dell’attore Gianni Battaglia. Erano presenti anche Enzo Piazzese (Presidente Archeoclub d’Italia sezione di Ragusa) e Salvo Micciché.

 

Storia dei mediterranei, il secondo volume

Ragusa: presentazione di Storia dei Mediterranei e Il vulcano di Enea

Storia dei Mediterranei: presentazione a Catania con Ruta e Cultraro

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

Logo Ondaiblea


  

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry