fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Presentazione del volume “Noto, le Pietre i Volti”, di Armando Rotoletti, prefazione di Stephen Tobriner.

Domenica 20 dicembre 2015, ore 17.30, Sala Gagliardi -  Palazzo Trigona di Cannicarao (Via Covour, 90 - Noto)

 

Introducono Corrado Bonfanti, Cettina Raudino e Alberto Frasca

 

#Noto, 18 dicembre 2015 – Un libro realizzato durante una lunga e partecipata frequentazione della cittadina siciliana di Noto da parte di Armando Rotoletti, siciliano di origine e legato profondamente alla sua terra. 

Al centro del libro l’unicità e la bellezza di Noto, di cui Rotoletti ha indagato tutti gli aspetti: da quello architettonico a quello umano della gente che la vive, insieme al territorio intorno, periferia e campagna, la dimensione culturale, economica, etc. 

Per restituire una visione il più genuina possibile della città, ha seguito il suo solito metodo: frequentare la gente, le case, conoscerne le abitudini, i riti, fino a sentirsene parte, insomma ha cercato prima di viverla, e poi di darne una rappresentazione vissuta, concreta, quotidiana: vera.

Molti testi di noti studiosi completano il volume con approfondimenti in vari ambiti culturali.

 

 

***

Armando Rotoletti (Messina, 1958) ha studiato fotografia presso il St. Mary College e il London Polytechnic (ora University of Westimnster), a Londra. 

A Milano, negli anni Ottanta si è dedicato al fotogiornalismo e, tra il 1985 e il 1995, è stato protagonista di numerose mostre personali e collettive.

Nel 1990, su invito di Grazia Neri, è entrato a far parte della sua agenzia, divenendo fotografo-ritrattista di personaggi della cultura, dello spettacolo e dell’economia.

I suoi reportage sono stati pubblicati da molte riviste, tra cui i settimanali «Sette»
e «Io donna» del «Corriere della Sera», «Vanity Fair», «The Sunday Times».

Da una decina d’anni si dedica, inoltre, a lavori di ampio respiro e di approfondimento sociale – come Casa della Carità. I volti le storie (2005), dedicato alla fondazione di don Colmegna, o Barbieri di Sicilia (2007), un viaggio tra le ultime botteghe di barbiere sull’isola – e a paesaggi e volti dei distretti agroalimentari (Langhe, Food Valley): Gente di Barbaresco (2013), è il primo risultato di questo impegno.

Con Circoli di conversazione a Biancavilla (2013), Rotoletti esplora la realtà antropologica di un paese alle pendici dell’Etna, dal destino incerto e in lotta perenne con la modernità. 

Un altro suo volume, Valelapena (2013), racconta storie di riscatto dal carcere di Alba, dove ai detenuti è consentito il lavoro nel vigneto del penitenziario. 

Scicli, città felice (2014), è il racconto fotografico di una delle più affascinanti città barocche della Sicilia sudorientale. 

Nel 2015 ha pubblicato Vino e gente dell’Etna, che documenta lo straordinario territorio del vulcano e il suo rinascimento enoico, e Il volto dell’IO, che raccoglie cinquanta ritratti di filosofi italiani, realizzati nel corso dell’ultimo decennio.

 

www.armandorotoletti.com

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry