fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Libri

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il Giornale di Scicli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Etimologia e storia dei cognomi e dei luoghi di Xicli con appendice araldica

 

Ragusa, 22 maggio 2017 – Nel 1991 nasce il primo volume dell’Onomastica di Scicli (edizioni Il Giornale di Scicli) e nel marzo 2017 Salvo Micciché pubblica l’evoluzione di tale libro con   “Scicli: Onomastica e toponomastica” (Biancavela - Il Giornale di Scicli). 

Il libro presentato  precedentemente  a Scicli al Caffè Letterario Brancati, ha avuto anche un momento di condivisione con i lettori ragusani nel saloncino della Libreria Flaccavento alla presenza dello storico Giuseppe Nativo, che ha curato la postfazione del volume (la prefazione è di Giuseppe Pitrolo), dell’archeologa Stefania Fornaro che ha contribuito alla stesura con la sua consulenza e con alcuni contributi nel libro. 

Il cospicuo volume di 326 pagine è frutto di un lavoro certosino e di grande conoscenza del territorio da parte di Salvo Micciché, direttore editoriale del quotidiano on line Ondaiblea, studioso di filologia, filosofia oltre che di sicilianità e storia locale, conoscitore di varie lingue come l’inglese, il russo, il francese, lo spagnolo, l’arabo, l’ebraico e, grazie ai sui studi classici, anche di greco e di latino. 

Questo nuovo libro si aggiunge ai fortunati volumi dedicati alla poesia in lingua siciliana, quali “Argu lu cani”, “Zaghiri e Parmi” e a quello di poesia italiana, “Dall’Alba ai Girasoli”, pubblicato insieme a Marco Iannizzotto.  

A 26 anni di distanza dal primo libro, di 85 pagine,  Salvo Micciché riesce  a fare un altro volume sull’etimologia e la storia dei cognomi e dei luoghi di Scicli, con 550 voci onomastiche del precedente libro (ora 1100), aggiungendo 200 toponimi, note storiche, archeologiche, araldiche, etimologiche e semantiche. Il volume, inoltre, fornisce un prezioso stemmario con 138 armi araldiche. Il professore Giuseppe Pitrolo ha  intitolato la prefazione al libro “Il mosaico dei nomi”. In una sorta di  lettera medievale all’autore, sottolinea come il volume “Scicli: Onomastica e Toponomastica, ha perfezionato l’interdisciplinare metodo di lavoro di Micciché, che si fa pure sociologo e storico della contemporaneità, unendo, dice Pitrolo, ”la tua accuratezza con la modestia di chi vuol offrire”materiali” per portare avanti la ricerca”.

“L’onomastica è una scienza - ha detto Nativo - che per troppo tempo ha lamentato interesse, una sorta di sorella minore di altre discipline. La carenza  si nota ancora di più se si pensa all’ampiezza e al fascino dei territori onomastici. Il nostro autore, invece ci fornisce un ampio panorama attraverso il suo libro. Stesso discorso credo si possa applicare alla toponomastica, ovvero a quella disciplina che scopre non solo l’origine ma anche il significato dei luoghi. Tracce  distinte della storia del nostro territorio, crocevia di popoli del nostro mar Mediterraneo. Salvo Micciché accompagna il lettore  in quello che fu il processo di formazione e di trasformazione del territorio sciclitano. Il nostro autore come una sorta di archeologo della lingua va a riportare alla luce del sapere autentiche schegge di lingue ormai dimenticate, incastonate come fossili negli apporti alluvionali delle parlate successive”.

 Importante contributo al libro rappresentano i medaglioni del dottor  Guglielmo Pitrolo (tratti da un libro edito da Il Giornale di Scicli), appassionato cultore di storia e di “spigolature sciclitane”.

L’autore, nella sua introduzione al libro, ci ricorda una descrizione di Scicli della metà del XII secolo, da parte del geografo arabo Al Idrisi che nel libro di Ruggero racconta come “La rocca di Siklah, posta in alto sopra un monte, è una delle più nobili, e la sua pianura delle più ubertose…”. Scicli, infatti, tra il 1100 e il 1200 era uno dei principali centri di vita civile e commerciale della Sicilia. Qui, come nel resto dell’isola, convivevano l’anima araba e quella cristiana. Anche i  cognomi ed i toponimi, dunque, risentono di questa presenza. “In questa prospettiva, dice l’autore, vengono spesso in soccorso la storia (e l’archeologia), l’araldica, l’antropologia e perfino la sociologia; ed è quanto abbiamo tentato cercando di mettere insieme tutte le fonti”.

Il volume non può non alloggiare in una libreria che si rispetti, contiene le origine dei cognomi più noti di Scicli ma anche della provincia, data la diffusione fisiologica, e la discendenza più o meno nobile del casato.

 

Curiosando tra le pagine ecco alcuni esempi: 

Blandino - probabile origine normanna o provenzale. In Francia si trova Blandin, pittore Andrè J. Blandin. 

 Criscione - In Sicilia cresciuni è il lievito madre per il pane. Il cognome è molto diffuso a Ragusa.Furono baroni di Corallo, succeduto a Occhipinti,.. titolo confermato nel 1872

Garofalo -  dal greco  moderno garúfalon. Intorno al 1640 un Biagio Garofalo si trasferì da Comiso a Scicli… A Scicli un Matteo Garofalo donò a Santa Maria della Pietà (poi Santa Maria La Nova) “un censo di 7 tarì con l’obbligo della celebrazione di una messa nei sette venerdì che precedono la festa si Santa Maria della Pietà”

Licitra - In siciliano li citra, gli agrumi (cedri, limoni). Vari toponimi portano questa denominazione. Si trova un atto, in Ragusa del 1543 in cui Andreana Licitra e suo marito Giuseppe Schirinà nominano eredi i figli Paolo, Antonino, Vincenzo e Augustino.

 

Anche sui toponimi riportiamo alcuni esempi:

Arizza - Vi sfocia il Torrente Modica-Scicli. Nel XIX sec. vi erano dei pantani, bonificati poi con l’avvento, dagli anni Trenta, del Consorzio di Bonifica delle Paludi di Scicli.

Cavalarica - Cavadaliga (Cava Larga ma anticamente anche Punta dell’Alga Grande. Comprende varie contrade…

Donnalucata - Si hanno testimonianze arabe (Idrisi):  “fonte delle orazioni”, perché l’acqua non vi sgorga se non durante le ore delle preghiera islamica,  poi anche “il fonte in mezzo al mare”(…). Carioti parla di due fonti e afferma che gli arabi avrebbero cambiato un originario nome di “Fons Acate” in “Ayn Lucat” (che poi fu latinizzato in Donna Lucata)…

 

Altri e più significati possono essere consultati ampiamente nel volume, disponibile già in libreria, in cui ognuno di noi può ritrovare la propria discendenza o catalogare la propria contrada.

 

Giovannella Galliano

Leggi tutto: Scicli: onomastica e toponomastica. Il mosaico...

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il Giornale di Scicli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Ragusa, 19 maggio 2017 – Nel pomeriggio presso la Libreria Flaccavento di Via Mario Rapisardi a Ragusa il giornalista Giuseppe Nativo e l'archeologa Stefania Fornaro hanno presentato il nuovo libro di Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica (Il Giornale di Scicli - Biancavela).

Sono stati evidenziati aggiunte e nuovi capitoli rispetto a "Onomastica di Scicli", il libro pubblicato da Micciché nel 1991 (edizioni Il Giornale di Scicli) e sono state evidenziate le relazioni tra l'onomastica di Scicli e il territorio vasto degli Iblei, in particolare modo con Ragusa e sono stati trattati alcuni toponimi (da Maulli a Mazzareddi) un tempo ricadenti nel Comune di Scicli ed ora in quello di Ragusa. Giuseppe Nativo ha presentato l'opera e intervistato l'autore, Stefania Fornaro ha illustrato le tesi del libro riprese anche dagli archeologi Elio e Pietro Militello. Salvo Micciché ha citato l'opera di Paolo Militello e Paolo Nifosì, in relazione alla storiografia locale ed ha spiegato alcuni riferimenti onomastici anche in relazione all'araldica e all'etimologia.

Un attento pubblico (tra gli altri, la scrittrice Marinella Tumino, l'archeologo Giovanni Di Stefano, lo scrittore e critico Federico Guastella, il giornalista Saro Distefano, la giornalista Giovannella Galliano...) ha posto poi domande all'autore, in una piacevole serata culturale.

L'Autore ha voluto ringraziare la Libreria Flaccavento per l'ospitalità e la TV Canale 74 per l'intervista di Lucia Nativo.

 

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il Giornale di Scicli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

(foto Biancavela Press, Concetta L. Ferma)

Scicli, 17 maggio 2017 – Presentato, ieri sera, al Caffè Letterario Brancati, nell’ambito delle “Sere di maggio” il libro di Salvo Miccichè “Scicli: Onomastica e toponomastica”.

Tutti concordi i relatori (Giuseppe Pitrolo, Giuseppe Nativo, Stefania Fornaro) e gli intervenuti sulla serietà del lavoro dell’autore. Opera che allarga i temi della storia locale, che dà direttive a indagare in certe direzioni sulle parole, i cognomi, i toponomi del territorio.

Un libro da consultare per meglio capire l’interculturalità che nei secoli si è materializzata  a Scicli e in tanti altri borghi del SudEst siciliano.

Il testo fornisce anche una preziosa parte dedicata all’araldica, con sorprese e conferme che chiariscono l’origine di tante famiglie e casati dello sciclitano. 

 

Venerdì 19 maggio il libro verrà presentato a Ragusa presso la Libreria Flaccavento, alle 18. Interverranno il giornalista Giuseppe Nativo e l'archeologa Stefania Fornaro.

 

da Il Giornale di Scicli on line

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il giornale di Scicli
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La pittura di Mavie Cartia, l’Onomastica di Scicli di Salvo Micciché, il saggio sui beni culturali dell’ex Assessore Regionale Maria Rita Sgarlata: a Scicli per le “Sere di Maggio”

 

Scicli, 12 maggio 2017 – Fine settimana con altri eventi per “Le Sere di maggio 2017 al torrente Aleardi”:

Venerdì 12 maggio ore 19 al Mavie Spazio Arte  inaugurazione  della Mostra Personale di Mavie Cartia, dal titolo “L’Io”. Testo critico di Gianni Longo. Resterà aperta fino al 4 giugno.

Sabato 13 maggio ore 19 al Caffè letterario Brancati l’attesa serata per presentare il volume “Scicli: onomastica e toponomastica, con appendice araldica” di Salvo Micciché. Ed. Biancavela - Il Giornale di Scicli. Conversazione con Steafania Fornaro, Giuseppe Nativo, Giuseppe Pitrolo e l’autore.

Domenica 14 maggio ore 19 a Palazzo Spadaro Maria Rita Sgarlata (già assessore regionale ai Beni culturali) dialogherà con Pietro Di Rosa e Giuseppe Pitrolo sul saggio “L’eradicazione degli artropodi. La politica dei Beni culturali in Sicilia”. Incontro a cura del Comune di Scicli, “Movimento Brancati”, Club Unesco Scicli.

Tutti gli appuntamenti sono ad ingresso libero.

 

***

Presso il “Brancati” si possono ancora ammirare i quadri degli artisti piemontesi Alberto Bongini, Roberto Borra, Carmelo Iorietti e Alessandro Merlo.

Autore: Salvo Micciché
Editore: Biancavela - Il Giornale di Scicli

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Ragusa, 3 maggio 2017 – Maggio: il mese dei libri. Due appuntamenti per presentare il nuovo libro di Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica - con appendice araldica, Biancavela Edizioni - Il Giornale di Scicli (327 pagine), pubblicato nel mese di marzo del 2017.

È un saggio storico-etimologico sulla storia dei cognomi e dei luoghi di Scicli ("Etimologia e storia dei cognomi e dei luoghi di Xicli"), che comprende ampi repertori di onomastica, toponomastica, storia locale, araldica. L'Autore, già nel 1991, per le edizioni de Il Giornale di Scicli, aveva presentato il suo primo volume dedicato alle famiglie sciclitane.

Nel libro si possono leggere citazioni dall'opera di Elio Militello, Guglielmo Pitrolo, Pietro Militello, Paolo Militello, Paolo Nifosì e di alcuni archeologi e storici iblei, e interventi di Giuseppe Nativo e Stefania Fornaro. Prefazione di Giuseppe Pitrolo, Postfazione di Giuseppe Nativo.

Carmelo Errera ha curato la realizzazione grafica dello stemma rio (appendice araldica) coinvolgendo gli alunni dell'Istituto Comprensivo Dantoni (ex Micciché - Lipparini) di Scicli, che hanno disegnato alcuni degli stemmi riprodotti (a colori).

 

Il primo appuntamento è previsto per sabato 13 maggio alle ore 19 presso il Caffè Letterario Vitaliano Brancati, al Torrente Aleardi, a Scicli (Palazzo Susino, non distante dalla libreria Don Chisciotte).

Giuseppe Pitrolo, Giuseppe Nativo e Stefania Fornaro presenteranno il libro ai lettori, intervistando l'autore. È previsto un colloquio con il pubblico.

L'incontro fa parte delle "Sere di maggio al Torrente Aleardi" del Brancati e si inserisce nel programma del Comune di Scicli, "Maggio, mese del libro".

 

Il secondo appuntamento è previsto per venerdì 19 maggio alle ore 18 presso la Libreria Flaccavento (Via Rapisardi 99, difronte Posta) a Ragusa.

Stefania Fornaro e Giuseppe Nativo dialogheranno con l'autore (intervento anche di Giuseppe Pitrolo). Seguirà dialogo con il pubblico.

2

Maggio, il mese del libro. Al Brancati (Scicli) le sere di maggio

Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Scicli, 2 maggio 2017 – Una manifestazione che vuole avvicinare sempre più i cittadini ai libri, all’arte, agli autori. In un luogo del centro storico che può diventare una “scoperta” o una conferma per tanti che vi abitano.

È una manifestazione che viene dalla base, ma che trova il consenso e l’aiuto dei commercianti e dell’Istituzione Comune di Scicli. Le Sere di maggio, infatti, faranno parte del Cartellone più generale curato dall’Assessorato alla Cultura “Maggio, il mese del libro”.

 

Programma

- Giovedì 5 maggio ore 19,00 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del nuovo romanzo “Il morso” di Silvana Lo Iacono. L’autrice converserà con Giuseppe Pitrolo.

- Domenica 7 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Presentazione del libro di racconti “Malanotte” di Marilina Giaquinta. Sarà presente l’autrice. Conversazione curata da Giuseppe Pitrolo.

- Lunedì 8 maggio ore 19,00 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro “Ragione & Sentimento”, di Stefania Bertola, Ed. Einaudi. Sarà presente l’autrice.

- Mercoledì 10 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. “All’origine della tragedia greca: Le Fenicie e Sette contro Tebe”. Relaziona la prof.ssa Giusi Carnemolla.

- Venerdì 12 maggio ore 19,00 Mavie Spazio Arte, “L’Io”, inaugurazione Mostra Personale di Mavie Cartia. Testo critico di Gianni Longo. Aperta fino al 4 giugno.

- Sabato 13 maggio ore 19,00. Caffè letterario Brancati. Presentazione del volume “Scicli: onomastica e toponomastica, con appendice araldica” di Salvo Miccichè. Ed. Biancavela - Il Giornale di Scicli. Conversazione con Giuseppe Nativo, Giuseppe Pitrolo, Stefania Fornaro e l’autore.

- Domenica 14 maggio ore 19,00 Palazzo Spadaro. Maria Rita Sgarlata (già assessore regionale ai Beni culturali) dialogherà con Pietro Di Rosa e Giuseppe Pitrolo sul saggio “L’eradicazione degli artropodi. La politica dei Beni culturali in Sicilia”. A cura di Comune di Scicli e “Brancati”.

- Sabato 20 maggio ore 19,00 Esterno “Mavie Spazio Arte”. DrumCircle: 11° DrumStrong Suona Forte (appuntamento in contemporanea mondiale). A Scicli partecipano Lorenzo Rompato, Massimo Carrano, Catia Castagna. Evento a cura di Mavie Spazio Arte e Circles.it

- Domenica 21 maggio ore 20,00 Piazzetta Scifazzo - Balcone del Caffè letterario Brancati. “Vittorini nella più bella città del mondo”. Introduzione di Giuseppe Pitrolo, Letture di Enzo Giannone, Sindaco di Scicli.

- Sabato 27 maggio ore 18,30 Libreria Don Chisciotte. Presentazione del libro “Il mestiere dell’aria che vibra” di Marco Tutino, Ed. Ponte alle Grazie. Sarà presente l’autore.

- Mercoledì 31 maggio ore 19,00 Caffè letterario Brancati. Scicli, capitale culturale degli Iblei. Proiezione foto di Gianni Mania: “La città invisibile”. Dibattito con l’autore. A seguire il Video “Carmelo Candiano, scultore”.

 

Vi attendono: Movimento Brancati, Libreria Don Chisciotte, Mavie Spazio Arte, Il Baule, Chiosco ‘A Funtana, Osteria del Ponte, Ristorante Ummara, Albergo Diffuso, Hotel ‘900.

A maggio due presentazioni di \"Scicli: onomastica e toponomastica\"

Altri articoli...

Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci editoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry