fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Ragusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

Ragusa, 24 febbraio 2021 — Il Rotary Club di Ragusa ha festeggiato il compleanno del club, fondato il 23 febbraio del 1905 a Chicago.

 

Lo ha fatto come di consueto, esponendo il proprio vessillo sul balcone principale del Comune di Ragusa, che si affaccia sul Corso Italia.

Nonostante le difficoltà date dalla attuale emergenza sanitaria, il presidente del Club, l’avvocato Patrizia Rosafalco, è stata autorizzata dal suo collega avvocato e sindaco di Ragusa, Giuseppe Cassì, ad esporre il celebre simbolo del Rotary International. La ruota dentata che distingue il più antico ed importante club service al mondo (oltre un milione e duecentomila soci, distribuiti tra quasi tutte le nazioni del pianeta) è sventolata a ricordare la presenza e le attività del club che ha fatto del servizio la sua missione. Il Club di Ragusa, nato nel 1956, ha subito come tutti le restrizioni della normativa anti-Covid, e, ciò nonostante, non ha fatto mancare la presenza sul territorio. Di fatto azzerate le riunioni in presenza, i soci del Club di Ragusa hanno di contro molto aumentata l’attività di sostegno ai più sfortunati, con la distribuzione durante le festività di pacchi dono e di buoni pasto, in collaborazione con la Caritas Diocesana di Ragusa.

«Si tratta di dire alla collettività che il Rotary è presente e si impegna – ha detto la Presidente Rosafalco – sin già dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Lo facciamo, in occasione del formale compleanno del club, esponendo la nostra bandiera sul balcone del palazzo comunale, per la cortesia del sindaco Cassì che tengo a ringraziare. Spero fortemente che nei prossimi mesi si possa tornare ad una quantomeno parziale normalità nei rapporti umani, e che il club che mi onoro di presiedere possa continuare nella sua attività di servizio oltre alla fondamentale vita sociale che, ed è un fatto comune a tutti, è mancata tantissimo in questi mesi di chiusura».

 s. ds.

 


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry