fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
Scicli, 15 dicembre 2018 – Imparare l'italiano a Scicli, nella terra del Commissario Montalbano, soggiornando nelle stanze dei palazzi nobiliari ottocenteschi di Scicli Albergo Diffuso è diventata abitudine gradita per i britannici che decidono di approfondire la nostra lingua in patria per poi svolgere qui il loro viaggio studio.

Tutto ciò sta accadendo anche grazie ad un programma di destagionalizzazione messo in atto insieme ad altre realtà siciliane. 

Dopo aver ospitato a settembre studenti scozzesi, un altro gruppo di inglesi, in questi giorni, è arrivato a Scicli per praticare l'italiano tra le vie barocche del centro storico ma anche delle vicine Modica, Ragusa e Noto. Le lezioni si svolgono giornalmente presso le sale del Millennium, dove si trova anche la reception di Scicli Albergo Diffuso e culmineranno con il reading di poesia previsto al Circolo Culturale Vitaliano Brancati, domenica prossima. Naturalmente non mancheranno visite guidate e attività alla scoperta delle eccellenze del nostro territorio.

Una bella soddisfazione per la città e per l’Albergo Diffuso che guarda già al prossimo gruppo che arriverà a gennaio, questa volta dal Giappone: prosegue infatti l'interesse di viaggiatori e operatori del turismo nipponico, di ritorno a Scicli per una due giorni alla scoperta della nostra città, dopo il fruttuoso scambio culturale dello scorso anno (al quale parteciparono anche operatori cambogiani), desiderosi di esportare il modello dell'ospitalità diffusa nel paese del Sol levante, divenuto ormai riferimento ben fuori dai confini di Scicli.

 

© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

La Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e Parmi...Argu lu cani...Dall'Alba ai Girasoli...
La Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLib
Salvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà...La Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Ignazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Ignazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle MilizieEdizioni ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry