fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva

Scoperta la lapide nel palazzo di famiglia in piazza Busacca. Duemila spettatori in chiesa al concerto dei Solisti Veneti

 

Scicli, 5 agosto 2019 – Scicli ha onorato stasera la memoria di uno dei suoi figli più illustri, il fondatore dei Solisti Veneti, Claudio Scimone.

A meno di un anno dalla scomparsa, oggi pomeriggio il sindaco e la famiglia hanno scoperto una lapide a palazzo Scimone in piazza Busacca, per commemorare il musicista, l’uomo di cultura, l’artefice di una esperienza artistica, i Solisti, che tutto il mondo ci invidia. 

Il sindaco Enzo Giannone ha tenuto un discorso vibrante ed emozionante, alla presenza dei familiari dell’illustre concittadino scomparso, tratteggiandone la figura, che solca la tradizione dei grandi intellettuali che Scicli ha dato al Paese.

In serata, duemila persone circa, in religioso silenzio, hanno assistito al concerto dei Solisti Veneti in onore del loro Maestro e Mentore. 

Una atmosfera di grande partecipazione emotiva ha pervaso l’attento pubblico del Santuario, dove musica, ricordo del musicista scomparso, proiezione della città in una dimensione internazionale, hanno donato ai presenti l’evento culturale più intenso e commovente del programma di appuntamenti estivi. 

Alla manifestazione ha dato il proprio significativo contributo la Fondazione Confeserfidi. 

 

Scicli Scicli Scicli


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry