fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Il comitato Tutela Salute e Ambiente di Scicli: “Da Palermo un primo passo per la difesa del nostro territorio: ora partecipiamo tutti alla manifestazione di Venerdì 6 Maggio!”

 

Le iniziative promosse dal Comitato Cittadino Salute e Ambiente di Scicli iniziano a generare effetti. “Ma non dobbiamo abbassare la guardia!”, affermano i portavoce, annunciando il ricorso al TAR e dando appuntamento per la grande manifestazione cittadina che partirà domani, Venerdì 6 maggio ore 20,00 da Piazza Busacca.

La mobilitazione popolare di queste settimane a Scicli ha dato un primo frutto: il decreto del 4 Maggio 2016 dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente (Dipartimento Ambiente) con cui è sospesa l’efficacia del precedente D. A. n. 159/ gab del 04.05.2015, col quale anteriormente la Regione aveva espresso “giudizio positivo di compatibilità ambientale sul progetto di ampliamento dell’attività di gestione della piattaforma di trattamento e recupero di rifiuti, pericolosi e non, in c.da Cuturi”.

I lavori della riunione congiunta del 3 Maggio 2016 - presso gli uffici della Regione Sicilia – sono stati condotti con rigore e precisione dai presidenti delle Commissioni on. Maria Leonarda Maggio e on. Giuseppe Digiacomo, con la partecipazione attenta e puntuale dell'on. le Giorgio Assenza.

I rappresentanti del Comitato per la Tutela della Salute e dell'Ambiente di Scicli - Gianpaolo Aquilino, Salvatore Buscema e Giampaolo Schillaci - hanno rappresentato la viva preoccupazione della città di Scicli:

1) per i modi grazie ai quali la procedura è arrivata al termine nel più completo silenzio; 

2) per i tempi, che inopinatamente hanno subito una accelerazione a partire da Maggio 2015 [il Comune era stato commissariato il 29 Aprile 2015]; 

3) per il presunto parere “positivo” dell'ARPA che nel decreto assessoriale 218/2016 viene "visto" senza che fosse mai stato dato. 

E tutto questo su un tema come quello dei rifiuti, che vede come incomprensibile appendice la dazione di 5 milioni di euro al Comune di Modica, argomento sul quale sarà opportuno tornare in altro momento. 

Inoltre al decreto 218/2016 del 3 Marzo 2016:

a) manca il parere che la Commissione ministeriale avrebbe dovuto rendere coi poteri del Sindaco, irrinunciabile e indelegabile per la funzione di tutela della salute pubblica; 

b) manca il parere che la Commissione Ministeriale avrebbe dovuto rendere coi poteri del Consiglio, che per norma e prassi predomina sulla proposta di variazione di destinazione urbanistica avanzata in sede di A.I.A. (Autorizzazione Integrata Ambientale); 

c) ha subito un grave travisamento la posizione non favorevole espressa dall'ARPA;

 d) il parere del Libero Consorzio ex Provincia di Ragusa non era conforme a quanto esposto in decreto, tanto che il Commissario Cartabellotta nella riunione interassessoriale ha annunciato l'impugnazione del decreto. 

E già l’on. Nello Di Pasquale - con nota del 16 Aprile 2016 - aveva formulato una serie di rilievi in ordine all’A. I. A. e aveva richiesto la revoca in autotutela, previa sospensione, del sopracitato D. D. S. n. 218 del 3 Marzo 2016.

Per questi e altri motivi la rappresentanza del Comitato ha richiesto la revoca del decreto 218/2016 del 03/03/2016 dal Dipartimento dei Rifiuti e delle Acque della Regione Siciliana, e i presidenti Digiacomo e Maggio hanno concluso i lavori formulando la richiesta di ritiro del provvedimento da inoltrare immediatamente alla Presidenza della Regione, all'Assessorato e al Dipartimento competente per i provvedimenti consequenziali: difatti il 4 Maggio il decreto dell’Assessorato Regionale Territorio e Ambiente ha sospeso l’efficacia del precedente D. A. n. 159/ gab del 04/05/2015. 

Si sottolinea però che, malgrado la sospensione, il rischio che l’impianto venga realizzato è tuttora alto, per cui gli Sciclitani devono rimanere attenti e svegli. Verrà presentato ricorso al TAR (Legambiente Regionale, con Tommaso Castronuovo, ha confermato la disponibilità a presentare il ricorso per conto e assieme al Comitato) e Venerdì 6 Maggio alle 20 da piazza Carmine partirà una MANIFESTAZIONE cittadina, a cui hanno già aderito associazioni di categoria, gli studenti delle scuole superiori e numerosi gruppi politici: tutti i cittadini sono invitati a partecipare! 

Per avere informazioni sulle prossime iniziative si rimanda alla pagina  https://www.facebook.com/saluteambientescicli/

 

Il Comitato Cittadino Salute e Ambiente


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry