fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Scicli
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

La manifestazione degli sciclitani contro il mega impianto di c.da Cuturi segna un momento importante per il Comitato Cittadino Salute e Ambiente di Scicli. Adesso si va verso il ricorso al TAR

 

E’ stata una mega festa contro il (previsto) mega impianto per rifiuti pericolosi: Venerdì 6 maggio gli sciclitani hanno scritto una grande pagina di democrazia. Promossa dal Comitato Salute e Ambiente di Scicli, si è tenuta una manifestazione che ha superato le più ottimistiche previsioni degli organizzatori: 5.000 persone (dicono gli esperti) hanno pacificamente marciato da piazza Carmine, stracolma già alle 20, a piazza Italia – passando per corso Umberto – fino ad arrivare davanti al Municipio. Basti solo pensare che quando la testa del corteo ha superato via Ospedale, la coda era alle scuole elementari di S. Nicolò! C’erano tutti: i cittadini, i giovani, gli anziani, le parrocchie, le associazioni di volontariato e quelle di categoria, i sindacati, i partiti, tanti provenienti da ogni parte della provincia di Ragusa: 

“Una forza tranquilla” (per citare Mitterrand) che ha detto 5.000 NO ai rifiuti pericolosi e 5.000 SI alla salute, all’agricoltura, al turismo. Gli slogan: “Scicli Montalbano, NON Scicli mmunnizzaro!”, “Questa mattina mi son svegliato e ho trovato il compattatore”, “Arà arà arà, Scicli NON mollerà”, “Non ci basta la sospensione: via il decreto di autorizzazione!”, Vogliamo la felicità, basta con le impurità”… 

La prospettiva incombente del mega impianto per rifiuti, pericolosi e non, ha destato allarme in una comunità che da un ventennio sta lavorando per un futuro sostenibile: citiamo solo il Piano Regolatore di Portoghesi, approvato nel 1998 e basato proprio sullo sviluppo sostenibile; il depuratore delle borgate, il restauro dei monumenti (e la loro apertura), la chiusura al traffico di v. Mormina Penna, la nascita della sezione turistica del “Cataudella”, il sorgere di musei privati, l’aprirsi di B & B, locali etc…, le innovazioni degli imprenditori agricoli (dal biologico, alle colture fuori suolo, alla ricerca di nuovi mercati), etc… E non a caso dal 1998 Scicli è “la Città di Montalbano”, del 2002 è il riconoscimento UNESCO. 

La prospettiva del mega impianto per rifiuti cozza fortemente contro lo sviluppo di Scicli, questo – in sintesi – hanno detto gli oratori che hanno parlato alla fine della manifestazione: con la conduzione di Federica Schembri, alcuni rappresentanti del Comitato Salute e Ambiente (Scifo, Carpino, Iurato, Buscema, Conti, Burletti, Schillaci) hanno ringraziato quanti hanno collaborato alla mobilitazione, dai cittadini ai parlamentari (e in primo luogo chi ha compiuto atti concreti: Assenza, Di Pasquale, Digiacomo) e hanno esortato a continuare l’impegno in questa battaglia. Infatti le sospensioni approvate in questi giorni dalla Regione sono solo temporanee e il ricorso al TAR è già pronto. Inoltre i relatori si sono rivolti alla Commissione ministeriale, ai politici attualmente in carica e ai futuri amministratori della città, affinché si dia esecuzione in maniera definitiva ai vincoli urbanistici sulla zona di Truncafila e Cuturi, già approvati dai precedenti Consigli Comunali. Di grandissimo impatto gli interventi degli alunni delle scuole elementari e degli studenti delle scuole superiore: il loro apporto ha reso ancora più gioioso il corteo, e fa ben sperare che le nuove generazioni abbiano chiaro sin da giovani di quanto sia importante il rispetto per l’ambiente.

Insomma, una grande festa che dimostra ancora una volta che Scicli non è Platì, dove da 10 anni nessuno vuole candidarsi alle elezioni, oppure una di quelle cittadine dove le processioni prevedono invariabilmente l’inchino al boss locale; Scicli è diversa da certo Sud che sopravvive con le pensioni di invalidità e le promesse della malapolitica. Gli sciclitani sono fieri, fattivi e democratici: chi non lo sapeva ora lo sa.    

Per avere informazioni sulle prossime iniziative si rimanda alla pagina  https://www.facebook.com/saluteambientescicli/

Arà Arà Arà Arà


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


Non ci sono articoli correlati


RSS attualità


Libri di Salvo Micciché

Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei MiccichéScicli - storia, cultura, religione...Scicli: onomastica e toponomasticaZàghiri e ParmiArgu lu cani
Giovanni Aurispa, umanista sicilianoLa Sicilia dei Micciché Scicli storia cultura e religione (secc. V-XVI) Salvo Micciché, Scicli: onomastica e toponomastica Salvo Micciché, Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Salvo Micciché, Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana
Salvo Micciché,Giovanni Aurispa, umanista siciliano Carocci EditoreSalvo Micciché e Giuseppe Nativo La Sicilia dei Micciché Carocci EditoreSalvo Micciché e Stefania Fornaro Scicli - storia, cultura, religione (secc. V-XVI) Carocci Editore Salvo Micciché Scicli: onomastica e toponomastica (con appendice araldica) Edizioni Biancavela - Il Giornale di Scicli - StreetLib Salvo Micciché Zàghiri e Parmi - Omaggio al Siciliano: poesia, grammatica, glossario Edizioni Biancavela - StreetLib Salvo Micciché Argu lu cani - Cunti, stori, puisia in lingua siciliana Edizioni Biancavela - StreetLib

Biancavela, Carocci Editore, Streetlib, Il Giornale di Scicli

Ondaiblea  la Rivista del Sudest

Libri consigliati

Dall'Alba ai GirasoliSikelia 2San Guglielmo Cuffitella...Appunti per una Storia della Pietà popolare a ScicliLa Sacra Rappresentazione delle Milizie...
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché, Dall'Alba ai Girasoli, Edizioni Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2, LithosIgnazio La China, San Guglielmo Cuffitella - un profilo agiografico, Edizioni ilminutod'OroIgnazio La China, Appunti per una Storia della Pietà popolare a Scicli, Editrice SionLa Sacra Rappresentazione delle Milizie, Editrice Sion
Marco Iannizzotto e Salvo Micciché Dall'Alba ai Girasoli Biancavela - StreetLibSusanna Valpreda, Sikelia 2... LithosIgnazio La ChinaSan Guglielmo Cuffitella ... ilminutod'OroIgnazio La China Appunti per una Storia della Pietà popolare ... Editrice SionIgnazio La China La Sacra Rappresentazione delle Milizie ilminutod'Oro

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry