fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Siracusa, 16 dicembre 2015 – Sono tre le iniziative in programma nella giornata di domani, giovedì 17 dicembre.
Dalle 10 e fino alle 12 nei locali dell’Antico Mercato, verrà assemblato simbolicamente “L’albero di Natale solidale” con i doni raccolti dalle scuole cittadine da destinare alle famiglie bisognose. L’iniziativa è dell’assessorato alle Politiche educative.

“La fattoria della solidarietà” è la manifestazione organizzata da AMI e Coldiretti, con il patrocinio del Comune e la collaborazione della Parrocchia di San Metodio, in programma nel prossimo fine settimana. L’iniziativa sarà presentata nel corso di una conferenza stampa in programma alle 10.30 alla Sala Archimede. Saranno presenti il sindaco, Giancarlo Garozzo, l’assessore alle Attività produttive, Teresa Gasbarro, Pietro Greco, direttore Coldiretti, Nicola Uccello, presidente dell’AMI e padre Marco Tarascio.

Alle 11, a Largo Aretusa, verrà posizionata una targa in braille, donata dal Lions Club Siracusa Eurialo, che tradurrà la storia del mito della ninfa Aretusa. L’iniziativa è dell’associazione “Sicilia Turismo per Tutti”, con il patrocinio del Comune, e con la collaborazione dell’Unione Ciechi ed Ipovendenti di Siracusa e della Stamperia Braille di Catania. Sul posto il sindaco, Giancarlo Garozzo, l’assessore alla Cultura, Francesco Italia, Bernadette Lo Bianco, presidente di “Sicilia Turismo Per Tutti”, e gli altri organizzatori incontreranno i giornalisti.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry