fbpx

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Maggiori info sulla policy Ondaiblea.

Info generali: Garante per la Privacy

Siracusa e dintorni
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva

Piano regolatore generale, direttive del sindaco Scibetta per la revisione. Priorità alla riqualificazione del centro storico

 

Palazzolo Acreide, 1 dicembre 2016 – Al via la revisione del Piano regolatore generale del Comune di Palazzolo. 

Il sindaco Carlo Scibetta durante l’ultima seduta del Consiglio comunale ha illustrato le direttive generali che guideranno la revisione dello strumento di pianificazione urbanistica scaduto. Innanzitutto l’incarico è stato affidato al personale interno del quinto Settore Urbanistica. 

“Queste direttive generali – ha detto Scibetta - costituiscono la base di partenza per un necessario e proficuo confronto con tutti gli interlocutori del piano, ossia con chiunque sia portatore di un interesse qualificato degno di attenzione e per l’indispensabile discussione in Consiglio, al fine di adottare linee guida generali per il Prg quanto più possibili condivise, chiare, adeguate da un lato alle esigenze di sviluppo della comunità e dall’altro alla doverosa tutela del territorio amministrato”. 

Gli obiettivi che il nuovo piano dovrà raggiungere riguardano il recupero del patrimonio edilizio e la riqualificazione della città esistente, in particolare del centro storico. 

“Allo sviluppo urbano in modo non armonico degli anni Ottanta e Novanta – ha aggiunto Scibetta - intendiamo contrapporre l’idea di scelte urbanistiche finalizzate a salvare l’identità, la storia e la vivibilità della città, e, quindi, una migliore qualità della vita”. Sarà quindi necessario il recupero del patrimonio dismesso o sottoutilizzato nell’ambito del centro storico, che riguarderà la “rivitalizzazione” economica e sociale che dovrà essere accompagnata dall’individuazione di piccole aree da adibire a mini parcheggi funzionali per i residenti e, in taluni casi, anche per le attività commerciali.  Tra gli interventi di recupero prioritari quelli che riguarderanno i quartieri Orologio e Castelvecchio.

Particolare attenzione deve essere riservata alla tutela del territorio extraurbano “con la consapevolezza – ha chiarito Scibetta - che il nostro patrimonio ambientale e paesaggistico può essere fonte di ricchezza economica, grazie anche ad una tutela orientata al recupero e alla valorizzazione delle zone rurali sotto il profilo agrituristico e turistico rurale”. 

Sulle aree di più recente espansione, puntando quindi ad innalzare la qualità della vita dei residenti occorrerà prevedere un organico sistema dei servizi, come ad esempio aree di parcheggio, spazi verdi, aree per la realizzazione di strutture per servizi pubblici e privati. Sarà opportuno rivedere anche le zone destinate ad aree di protezione civile, in considerazione che gli interventi previsti sono stati realizzati e le parti di territorio non utilizzate per tale finalità potrebbero ritornare ad essere zone agricole.  Il piano deve essere aggiornato anche per i servizi pubblici, dopo le novità avvenute con lo spostamento del poliambulatorio dell’Asp, del Recapito del lavoro, la realizzazione di immobili come l’asilo nido comunale, la nuova destinazione di edifici esistenti che sono stati ristrutturati, come l’Ostello della gioventù, il Centro aggregazione giovanile. “Riguardo al Piano particolareggiato del centro storico – ha aggiunto il sindaco -, si è dell’idea di portarlo a conclusione anche in considerazione del recente lavoro di revisione/aggiornamento eseguito e dell’importanza di dotarsi di uno strumento specifico per la “rivitalizzazione” del centro storico”.


© Ondaiblea - Biancavela Press, tutti i diritti riservati
Condizioni

{jathumbnail off images="images/logo.png"}  


 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry