Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times
  • Argomento: Cultura

Nel 40° della scomparsa dell’etnoantropologo e poeta Antonino Uccello,  il Comune di Canicattini Bagni e il Museo Civico Tempo il 13 e 14 Agosto 2019 gli dedicano due giornate con percorsi naturalisti e poetici

 

Canicattini Bagni, 12 agosto 2019 – In occasione del quarantesimo anniversario della morte dell’etnoantropologo e poeta canicattinese Antonino Uccello, avvenuta il 29 Ottobre 1979, l’Amministrazione comunale di Canicattini Bagni e il Museo Civico Tempo, gli dedicano due giornate con percorsi naturalisti e poetici,  nell’ambito degli appuntamenti estivi.

Si tratta di due percorsi guidati in programma il 13 e il 14 Agosto 2019.

Il primo appuntamento è in programma per martedì 13 Agosto, alle ore 16:00,  in Contrada Cugno Lupo, con la guida di Paolino Uccello, etnoantropologo e guida naturalistica, Presidente del Museo Tempo, alla scoperta della flora endemica e delle leggende legate alla Contrada.

Il secondo appuntamento è per mercoledì 14 Agosto, alle 19, con un percorso cittadino guidato da Tanino Golino, studioso delle tradizioni popolari e Vice Presidente del Museo Tempo, che partendo dalla sede museale di via XX Settembre 132, farà tappa nei luoghi raccontati da Antonino Uccello nella raccolta di poesie “Janiattini”,  e nelle altre raccolte del poeta canicattinese.

Dalla casa natale al fondaco, alla vera croce, luoghi legati ai ricordi di un’infanzia difficile ma che non riuscì mai a dimenticare.

 

Antonino Uccello, nato a Canicattini nel 1922,  è stato un pioniere dell’etnologia e del folklore, capendo l’importanza della custodia della memoria negli anni del boom economico. 

L’intellettuale canicattinese raccolse, salvaguardandolo dalla sicura scomparsa, molto materiale legato al mondo contadino e artigianale dell’entroterra ibleo, dando vita alla Casa Museo di Palazzolo Acreide. 

 

Salvo Micciché

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.