Piero Guccione, Cesare Zipelli e Saro Distefano

Cultura
Typography
  • Smaller Small Medium Big Bigger
  • Default Helvetica Segoe Georgia Times

Ragusa, 14 settembre 2004. Saro Distefano rievoca un piacevole incontro con Piero Guccione a casa di Cesare Zipelli. Due amanti dell'arte e del bello, artisti e promotori culturali iblei

 

Ragusa, 20 maggio 2020 – Ho atteso che fossero trascorse almeno un paio di settimane dal 5 maggio. Quella è notoriamente la data di nascita di Pietro – detto Piero – Guccione, pittore.

Dal 5 maggio, infatti, su tutti i social (ma anche su importanti e qualificate testate giornalistiche) è stato un lunghissimo elenco di auguri in memoriam del grande artista che, morto nell’ottobre di due anni fa, il 5 maggio avrebbe compiuto 85 anni (non so nulla di numerologia, ma certo è singolare che il maestro sciclitano sia nato in data 050535 e il suo migliore amico e grande pittore anch’egli, Franco Sarnari, sia nato in data 030333. Chissà se ne hanno mai parlato tra di loro).

Ho atteso a fare cosa? A mostrare la foto che accompagna questo mio articolo che il direttore Salvo Miccichè gentilmente acconsente a pubblicare.

Perché ho atteso? Perché per qualche giorno su Facebook tutti, e dico tutti, hanno espresso il loro buon compleanno «a Piero». Ho calcolato che, stando ai social, in provincia di Ragusa a chiamare confidenzialmente “Piero” il maestro Guccione siano stati tutti tranne chi firma e un paio di altri.

Pertanto, avendo un enorme ammirazione per questo “nostro” artista (nostro perché nato a Scicli, quindi ibleo) che però appartiene al mondo, volevo condividere il piacere di guardare una piccola 13x15 scattata da una ancor più piccola Olympus il martedì 14 settembre 2004.

La data è impressa nella mia mente perché tre o quattro ore dopo quello scatto portai mia moglie in ospedale dove, 48 ore dopo, sarebbe nato mio figlio.

Da sinistra a destra, nella foto: Piero Guccione, Cesare Zipelli, Saro Distefano. Scatto di Santo Brugaletta.

A fine agosto il mio amico Santo Brugaletta mi chiamò per dirmi che Piero Guccione voleva incontrare Cesare Zipelli. Feci da tramite e due giorni dopo ci vedemmo tutti a Ibla, nel celebre salotto di casa Zipelli, a Santa Petronilla.

Conversazione molto amabile tra persone con molti interessi in comune, affondati nel salotto Frau e circondati dalla pinacoteca che l’ingegnere Zipelli aveva raccolto in sessanta anni di passione per l’arte e il bello.

Ad un certo punto Guccione focalizza un punto nella parete. Individua un quadro che ovviamente riconosce come suo. Chiede informazioni al proprietario e il permesso di staccarlo dalla parete per guardarlo da vicino. Dopo qualche minuto: «Ingegnere, mi darebbe il permesso di portarlo con me in studio solo per guardarlo da più vicino e poi restituirlo nell’arco di qualche giorno?»

Trascorrono due giorni e richiama Santo Brugaletta: «Saro, il maestro Guccione ha solamente ripulito il quadro, ma si è accorto – ed è il motivo per il quale lo ha voluto portare con sé – che nell’angolo in alto a destra, dov’è il cielo, manca circa mezzo centimetro quadrato di pittura, si vede la tela. Lui non si spiega come sia potuto accadere – continua l’imprenditore molto vicino al Maestro (di quelli che davvero chiamavano Piero il pittore) – ma è disposto a rimediare pennellando quel frammento, però vuole l’autorizzazione di Zipelli, proprietario dell’opera. Che facciamo?»

Zipelli non ebbe dubbi quando lo chiamai: «lasciamolo com’è, sarà più originale». Guccione si disse contento della decisione. Ci rivedemmo tutti a Ibla, una settimana dopo. Il quadro tornò al suo posto, in alto a destra della foto da noi pubblicata. Quella foto che Santo Brugaletta volle scattare per immortalare il momento.

Con Guccione ebbi modo di parlare una sola altra volta, e sempre appellandolo “Maestro”, termine che mi parve assolutamente il più opportuno. Quella foto mi è cara perché è legata ad un bel pomeriggio, a uomini grandi (e due di loro purtroppo non più con noi) quanto modesti, al settembre di sedici anni fa quando diventai padre.

 

Saro Distefano

 

 

Lo scopo di un'opera onesta è semplice e chiaro: far pensare. Far pensare il lettore, lui malgrado

Paul Valéry

We use cookies

We use cookies on our website. Some of them are essential for the operation of the site, while others help us to improve this site and the user experience (tracking cookies). You can decide for yourself whether you want to allow cookies or not. Please note that if you reject them, you may not be able to use all the functionalities of the site.